Elena

Mazzi

Reggio Emilia, 1984

Colors at the end of the world | 2011

Colors at the end of the world, 2011
(poster, projection)

Colors at the end of the world è un progetto che prende avvio da due realtà direttamente legate alla regione Veneto e in particolare alla città di Treviso.
Si tratta di un manifesto che graficamente ricalca i colori e i caratteri usati dall'azienda di moda Benetton – storica marca trevigiana – nelle sue campagne pubblicitarie. In questo caso però, viene riportato il titolo di un film/documentario che narra gli abusi e i soprusi compiuti dall'internazionale fashion house nei confronti del popolo Mapuche, in Patagonia – Argentina –.
Colors at the end of the world intende evidenziare in maniera visivamente ambigua, una prospettiva differente sulla dubbia apertura culturale e sociale che Benetton tenta di far trasparire attraverso le sue operazioni mediatiche.
Il titolo, tradotto in diverse lingue, si riferisce invece alla recente legge presentata dal partito della Lega Nord, che vieta ai gestori di attività commerciali l'uso di caratteri che non siano latini nelle scritte delle insegne pubblicitarie, evidente sintomo di uno xenofobismo crescente nell'area in questione.
Le traduzioni, in Arabo, Cinese, Macedone, Serbo, Ucraino, Bangladese, Hindi, Tamil, Greco e Russo rispecchiano le diverse nazionalità degli esercenti commerciali stranieri che operano attualmente nella città di Treviso. Le diverse nazionalità sono state distribuite all'interno del manifesto secondo un ordine decrescente che va dalla maggior percentuale di esercizi commerciali e di popolazione di una specifica etnia presente sul territorio fino alla percentuale minore, escludendo popolazioni che utilizzano un alfabeto latino.



Colors at the end of the world is a project shaped from two different realities directly connected with Veneto region in Italy, in particular with the city of Treviso.
The work deals with a poster that draws upon the colors and fonts used by Benetton – a famous Italian fashion brand produced in Treviso – in its advertising campaign. In this specific case, however, the title being used is the one of a documentary film that talks about the abuses and injustices practiced by the international fashion house on the Mapuche population, in Patagonia - Argentina-.
Colors at the end of the world aims to underline in an ambiguous visual way, a different perspective on the doubtful social and cultural openness that Benetton wants to communicate through its media actions.
The title, translated in different languages, refers to the recent law presented by the Italian Lega Nord party; this law forbids the owners of foreign business activities to use non-Latin fonts on advertising signs: this is an evident symptom of a growing xenophobia in this specific area.
Translations from Arabic, Chinese, Macedonian, Serbian, Ukrainian, Bengali, Hindi, Tamil, Greek and Russian, reflect the different nationalities of foreign sellers working in the area of Treviso. The different nationalities have been organized in the poster, following a decreasing order that goes from the biggest to the lowest percentage of ethnic groups and their business activities on the territory, cutting out the groups that use a Latin alphabet.

replique montre replique montre france rolex pas cher

ItalianArea

Social

 

developed by Viafarini
in collaboration with NABA

coded by lettera7